Agent Unicorn: moda, ingegneria ed autismo

Anouk Wipprecht è una Hi-Tech Fashion Designer che ha trovato un modo per coniugare ingegneria e scienza con la moda ed il design che l’hanno da sempre ispirata. Ingegneria e moda non sono mai andate d’accordo? Anouk non la pensa così!

I suoi prodotti non sono solo capi o accessori inusuali, ma questi reagiscono con l’ambiente esterno attraverso sensori ed attuatori. Durante il suo lavoro in Austria presso le SPARKS Residency, Anouk ha ideato “Agent Unicorn“, un accessorio a forma di corno che appunto richiama la famosa figura mitologica dell’unicorno.

Questo dispositivo è stato studiato per aiutare i bambini affetti da ADHD o Autismo, in modo da avere un feedback sullo stato di attenzione dell’individuo.

Degli elettrodi per EEG sono fissati sul cranio grazie alla comoda cuffietta, e sfruttando il cosiddetto segnale elettroencefalografico P300 si è cercato di capire quali fossero i “trigger” che rendessero il bambino attento e concentrato. Una videocamera è stata integrata nel dispositivo per registrare le situazioni di interesse per gli individui che hanno partecipato allo studio.

Ciò è sicuramente di aiuto per gli specialisti che non possono mettersi nei panni di questi individui, ma che ora possono avere un feedback in più sulle situazioni che scatenano o meno l’attenzione, ottimizzando quindi la terapia comportamentale mirata ad eliminare comportamenti disfunzionali.


Agent Unicorn 3D model (c) Anouk Wipprecht

Uno studio in real-time è un approccio relativamente nuovo nella gestione di tali condizioni, che spesso sono poco conosciute o comprese del tutto. Anouk Wipprecht non rientra nello spettro autistico, ma ha sentito la necessità di fare qualcosa per tutti quei bambini che non riescono a lasciare la propria stanza senza tappi alle orecchie o che vanno facilmente in sovraccarico sensoriale, non riuscendo quindi a focalizzare la propria attenzione anche in un task relativamente semplice per un individuo neurotipico.

Questi inidividui hanno problemi di comunicazione ed è come se il mondo non fosse stato progettato per loro.

Colori, odori e suoni sono amplificati in maniera variabile da individuo ad individuo. Questo dispositivo ci permette di capire come i bambini reagiscono a tutti questi input.

E’ stata una gioia vedere questi bambini affrontare molte difficoltà, e farlo sfoggiando un copricapo alla moda aggiunge sicuramente un tocco di classe e di coraggio a tutti questi piccoli eroi.

“My work is dedicated to the psychology or the emotion or the sensuality. In my design I am embedding the idea of emotions, like fear, as you can see in the Spider Dress.


“Il mio lavoro è dedicato alla psicologia o all’emozione o alla sensualità. Nel mio design sto incorporando l’idea delle emozioni, come la paura, come puoi vedere nel Vestito Spider. “

Anouk si interessa quindi anche di psicologia e di antropologia. I suoi ultimi lavori suscitano nell’osservatore una grande varietà di emozioni, alternando effetti di fumo ad un design a tratti spigoloso o appuntito.


Spider Dress (c) Anouk Wipprecht

Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito di Anouk Wipprecht :

Sito Web Ufficiale di Anouk Wipprecht

Agent Unicorn BCI

Per leggere altri articoli come questo vai nelle categorie Ingegneria Bionica o Ingegneria Biomedica!

Condividi:

2 thoughts on “Agent Unicorn: moda, ingegneria ed autismo”

    1. Ciao Ilaria, penso che ancora ci si trovi in applicazioni di ricerca.
      Sono sicuro che nei centri di alto livello si sono già applicate determinate tecnologie, ma è ancora un mondo in pieno sviluppo e sicuramente affascinante.

Comments are closed.